TEST DI AMMISSIONE A

MEDICINA ED ODONTOIATRIA

06 settembre 2016

Soluzioni e Commenti dei docenti GOoverTEST

 

 

 

 Ragionamento logico 


1.  Un gioco ha le seguenti regole: se un numero è divisibile per 5 vale 5 punti; se è divisibile per 3 vale 4 punti. In base a tali regole, quale dei seguenti numeri vale di più?

 

A) 9

B) 18

C) 40

D) 42

E) 276

Data la regola, tutti i numeri divisibili per 5 valgono più di tutti i numeri divisibili per 3, indipendentemente dal valore del numero. Bisogna cercare il numero divisibile per 5, ovvero un numero la cui cifra delle unità sia “0” o “5”. La risposta corretta è C).


2.  Se:

@ + # – @ = @ – 4

# = – 20

allora @ è uguale a:

 

A) – 16

B) – 10

C) – 5

D) 10

E) 16

 

Sostituendo # = – 20 nell’equazione e semplificando le @ a primo membro, l’equazione assume la forma – 20 = @ – 4. Nel rispetto delle comuni regole delle equazioni di primo grado, spostando – 4 a primo membro, risulta @ = – 16. La risposta corretta è A).

Il quiz poteva essere risolto anche per tentativi sostituendo # = – 20 e le singole soluzioni nell’equazione e individuando per quale alternativa proposta risultasse l’identità. 


3.  Se ZAP significa cifra (singola) divisibile per 7, ZUP significa cifra (singola) divisibile per 5 e ZEP significa cifra (singola) divisibile per 4, allora con quale scrittura può essere espresso il numero 48?

 

A) ZAP ZAP

B) ZUP ZEP

C) ZEP ZAP

D) ZEP ZEP

E) ZEP ZUP

 

Considerando singolarmente le cifre che costituiscono il numero 48, si ha che 4 è divisibile per 4 e può, quindi, essere espresso con la scrittura ZEP, e 8 è divisibile per 4 e può, quindi, essere espresso con la scrittura ZEP. Il numero 48 può quindi essere espresso dalla scrittura ZEP ZEP. La risposta corretta è D).


4.  “Se il mandorlo è in fiore, la rosa marcisce. Se la begonia marcisce il papavero sboccia. Inoltre o il mandorlo è in fiore o la begonia marcisce “. In base alle precedenti affermazioni è sicuramente vero che:

 

A) il papavero sboccia

B) la rosa marcisce o il papavero sboccia

C) il mandorlo è in fiore e il papavero sboccia

D) la rosa marcisce e il papavero sboccia

E) la rosa e la begonia marciscono

 

“Se” introduce una condizione sufficiente, cioè una condizione, o causa, al verificarsi della quale si verifica automaticamente anche una conseguenza. Possiamo schematizzare la condizione sufficiente con una freccia che rappresenta l’implicazione della causa verso la conseguenza  A →B. Nel quiz vengono proposte due regole e un caso:

·       REGOLE

                  A                           →                           B                 

SE il mandorlo è in fiore (ALLORA) la rosa marcisce         

                    C                           →                  D

SE la begonia marcisce (ALLORA) il papavero sboccia

 

·       CASO

 

A                       v                       C

O il mandorlo è in fiore O la begonia marcisce

Poiché l’accadere di A fa si che accada anche B e l’accadere di C fa si che accada anche D, il caso dato implica che accadranno certamente B o D.  La risposta corretta è B).


5.  Completare correttamente la seguente successione numerica.

2; 20; 22; 42; 64; ?

 

A) 84

B) 86

C) 105

D) 106

E) 128

 

Nella successione numerica ogni numero è la somma dei due che lo precedono

22 = 2 + 20

42 = 20 + 22

64 = 22 + 42

? = 42 + 64 = 106

La risposta corretta è D).


6.  Alla finale di una gara di automobilismo la classifica dal 1° al 7° posto è la seguente: Alessandro, Federico, Iris, Bruna, Cesare, Eligio, Gianna. Cinque di questi sette piloti indossano il casco integrale e si sa che a indossarlo sono tre tra i primi quattro e tre tra gli ultimi quattro classificati. Si può essere certi che a indossare il casco integrale è:

 

A) Eligio

B) Federico

C) Bruna

D) Cesare

E) Iris

 

Si distribuiscano i piloti su una linea che rappresenta la graduatoria, dovendo selezionare tre piloti tra i primi quattro e tre tra gli ultimi quattro, Bruna viene ad essere selezionata due volte. Il pilota comune ai due gruppi deve essere obbligatoriamente selezionato così che, selezionando altri due piloti da ognuno dei gruppi, si ottenga un totale di cinque piloti nel rispetto della condizione “tre tra i primi quattro e tre tra gli ultimi quattro classificati”.
schermata-2016-09-15-alle-16-42-23

Altrimenti, se Bruna non fosse tra i cinque piloti che indossano il casco integrale i piloti sarebbero in tutto sei in contrasto con le condizioni poste dal problema. La risposta corretta è D).


7.  In un ingranaggio a due ruote dentate, una ruota ha 300 denti e l’altra 60. Se la ruota più grande compie 2 giri, quanti giri avrà compiuto la ruota più piccola?

 

A) 2

B) 4

C) 10

D) 12

E) 15

 

Ad ogni giro della ruota grande sono coinvolti 300 denti mentre ad ogni giro della ruota piccola sono coinvolti solo 60 denti. Nel movimento concatenato a ruote dentate il numero di denti che viene coinvolto nel movimento è identico nelle due ruote. La ruota grande compie due giri per un totale di 300·2=600 denti. La ruota piccola per far lavorare anche lei 600 denti deve compiere 600/60=10 giri. La risposta corretta è C).


8.  Mina deve distribuire un bonus di produzione di 6.000 euro tra i suoi quattro dipendenti. Progetta di destinare la metà a Iginia, un quarto a Ghila, un quinto a Aimée e un decimo a Antimina. Così facendo:

 

A) le resterebbero 175 euro non distribuiti

B) esaurirebbe il bonus, dividendolo tra i quattro dipendenti

C) le resterebbero 300 euro non distribuiti

D) supererebbe il bonus complessivo di 175 euro

E) supererebbe il bonus complessivo di 300 euro

 

Bisogna calcolare il bonus di ogni singolo dipendente abbinato alla propria frazione:

Iginia        € 6.000/2 = € 3.000

Ghila        € 6.000/4 = € 1.500

Aimée      € 6.000/5 = € 1.200

Antimina € 6.000/10 = € 600

Bisogna quindi sommare tutti gli importi singoli e confrontare la somma con l’ammontare a disposizione:

€ (3.000+1.500+1.200+600) = € 6.300

La somma dei bonus previsti secondo le frazioni decise da Mina supera l’ammontare a disposizione di € 300. La risposta corretta è E).


9.  Una cassetta per la frutta pesa 400 grammi. Sapendo che la frutta rappresenta il 92% del peso lordo, qual è il peso della cassetta piena di frutta?

 

A) 500 grammi

B) 2.500 grammi

C) 4.600 grammi

D) 5.000 grammi

E) 5.400 grammi

 

Se la cassetta per la frutta pesa 400 grammi e la frutta è il 92% del peso lordo vuol dire che la cassetta, coi suoi 400 grammi è l’8%. Scrivendo in linguaggio matematico “la cassetta della frutta (400 grammi) è l’8% del peso lordo , si ha

schermata-2016-09-15-alle-16-46-07

La risposta corretta è D).


10.  Se le lancette di un orologio segnano le 21.30 di mercoledì, tra 53 ore e 45 minuti saranno:

 

A) le 23.15 di giovedì

B) le 3.15 di sabato

C) le 2.15 di domenica

D) le 3.15 di venerdì

E) le 2.15 di sabato

 

Bisogna scomporre le 53 ore in una ripartizione del tempo comoda ai calcoli, 53 ore = 24 ore + 24 ore + 5 ore = 1 giorno + 1 giorno + 5 ore, quindi aggiungiamo prima i giorni, poi, le ore e infine i 45 minuti all’orario dell’orologio, raggiungeremo, quindi, prima, le 21.30 di venerdì, poi, aggiungendo le 5 ore rimanenti, raggiungeremo le 2.30 di sabato mattina, e, infine, aggiungendo i 45 minuti arriveremo alle 3.15 di sabato mattina. La risposta corretta è B).


11.  Gabriele si allena in piscina ogni lunedì, mercoledì e sabato. In uno dei giorni rimanenti della settimana Gabriele gioca a calcio. Sapendo che il giorno dopo gli allenamenti di nuoto Gabriele non svolge attività fisica, qual è il giorno della settimana in cui gioca a calcio?

 

A) giovedì

B) sabato

C) domenica

D) venerdì

E) sabato

 

Basta disegnare una tabella coi i giorni della settimana e riportarvi le attività che Gabriele vi svolge: nuoto o riposo (x), secondo quanto indicato dal testo. Si scoprirà per esclusione il giorno destinato al calcio. La risposta corretta è E).

 

LUNEDI’ MARTEDI’ MERCOLEDI’ GIOVEDI’ VENERDI’ SABATO DOMENICA
nuoto x nuoto x nuoto x

12.  Individua l’alternativa che completa logicamente la seguente frase: “ tra l’XI ed il XIII secolo Milano divenne libero comune, …………….. poi da Federico Barbarossa che voleva ristabilire l’impero. Nel XIV secolo la ……………. dei Visconti si aggiudicò il ……………. su Milano, che successivamente passò agli Sforza”.

 

A) soggiogato; dominazione; popolo

B) assoggettato; signoria; dominio

C) liberato; giurisdizione; possedimento

D) assediato; supremazia; territorio

E) affrancato; circoscrizione; distretto

 

Bisogna verificare se qualche parola mancante vada inserita in qualche particolare costrutto, come per la terza parola di questo quiz. Bisogna studiare per prime le terze parole di ogni scelta, in questo modo escludere alcune soluzioni sarà più facile e rapido. Si possono escludere, infatti, A), D) ed E). Analizzando solo l’alternativa B) e C) si riscontra che la seconda parola della soluzione C) è particolarmente inappropriata rispetto al contesto della frase in cui deve essere inserita. La risposta corretta è B).


 13.  Quali, tra i termini proposti, completano correttamente la seguente proporzione verbale?

triangolo : X = Y : cubo

 

A) X = tre; Y = rettangolo

B) X = solido; Y = piano

C) X = angoli; Y = lati

D) X = piramide; Y = quadrato

E) X = geometria; Y = algebra

 

Bisogna sempre considerare che, nelle proporzioni verbali, il nesso logico che lega i primi due termini deve essere lo stesso che lega i secondi due. Bisogna anche considerare che parole che assumono la stessa posizione rispetto al rapporto (ovvero la prima e la terza; la seconda e la quarta) devono, pure, corrispondersi in maniera logica e grammaticale (devono essere entrambi sostantivi o entrambi aggettivi, o entrambi avverbi…entrambi singolari o entrambi plurali). Ne consegue che Y deve essere una figura piana e un sostantivo e che X deve essere una figura solida e un sostantivo. Alcune risposte risultano sbagliate perché manca la corrispondenza posizionale (es. la risposta E) o la B)), altre perché manca un nesso logico che leghi i lati della proporzione. La risposta corretta è D).


14.  Il gruppo di lettere LLEUDIO (A) OIDUELL può essere considerato simmetrico con A al centro. Quale dei seguenti gruppi di lettere è analogamente simmetrico?

 

A) DOCIDEM (A) MEDCIOD

B) DOCIDME (A) MEDICOD

C) DOCIDEM (A) MEDICOD

D) DOCIDEM (A) MEDCITD

E) DOCDIEM (A) MEDCIOD

 

Basta leggere, in ogni alternativa, la seconda parola procedendo da destra verso sinistra e verificare che la parola ottenuta corrisponda alla prima parola. La risposta corretta è B).


15.  “Chi legge un quotidiano al giorno o utilizza spesso internet è informato; i social specialist utilizzano spesso internet; Luisa è una social specialist”. Se le precedenti affermazioni sono corrette, quale delle seguenti NON è necessariamente vera?

 

A) Luisa utilizza spesso internet

B) Le social specialist sono informate

C) Luisa è informata

D) Non esistono persone disinformate che leggano un quotidiano al giorno

E) Chi è informato utilizza spesso internet

 

La maniera più veloce di risolvere questo quiz è usare l’insiemistica costruendo un grafico a step. Ogni step è il disegno di una informazione. Dopo aver riportato tutte le informazioni il grafico si presenterà come illustrato sotto. Bisogna quindi valutare ogni alternativa e controllare se è verificata prendendone un punto rappresentativo.

 schermata-2016-09-14-alle-15-06-43

Luisa certamente utilizza spesso internet perché Luisa è inclusa dentro gli utilizzatori di internet. Le social specialist sono certamente informate perché l’insieme dei social specialist è incluso in quello delle persone informate. Luisa è informata perché Luisa è inclusa nell’insieme delle persone informate. Certamente non esistono persone disinformate, ovvero esterne al gruppo degli informati, che leggano un quotidiano al giorno, ovvero che cadano dentro l’insieme dei lettori di giornali. Non si può considerare certa l’ultima alternativa perché esistono persone informate che non ricadono dentro il gruppo di utilizzatori di internet. La risposta corretta è E).


16.  Un recente studio ha mostrato che negli ultimi 20 anni il peso medio degli italiani è salito del 5%. Più in particolare, il peso medio dei cittadini del Centro-Nord è cresciuto del 6%, mentre quello dei cittadini del Meridione è cresciuto del 3%. Quale delle seguenti conclusioni può essere dedotta dalle informazioni sopra?

 

A) I cittadini del Centro-Nord sono più numerosi dei cittadini del Meridione

B) Alcuni cittadini del Centro-Nord sono immigrati dal Meridione

C) I cittadini del Centro-Nord hanno un peso medio superiore rispetto ai cittadini del Meridione

D) I cittadini del Centro-Nord sono mediamente aumentati di peso di 3 chilogrammi in più rispetto ai cittadini del Meridione

E) Nessuna delle alternative è corretta

 

Bisogna considerare l’aumento della popolazione italiana pari al 5%, e l’aumento dei due sottinsiemi, Centro-Nord e Meridione, pari rispettivamente a 6% e 3%. Poiché 5 è più prossimo a 6 che a 3, vuol dire che il gruppo del Centro-Nord incide maggiormente del gruppo del Meridione nel determinare di quanto è aumentato il peso a livello nazionale. Per sortire questo effetto la popolazione del Centro-Nord può solo che essere più numerosa di quella del Meridione.

Il quiz non lo richiede, ma se si volesse inoltre calcolare la percentuale degli abitanti del Centro-Nord a partire dai dati forniti si potrebbe impostare una equazione ponendo come incognita x la percentuale degli abitanti del Centro-Nord rispetto a 100-x che è la percentuale degli abitanti del Sud.

La media ponderale dei valori di aumento di peso, il cui valore già sappiamo che vale 5 sarebbe:
schermata-2016-09-15-alle-16-48-28

Cioè la popolazione del nord è il 66,7% del totale della popolazione complessiva. Il valore intuitivo che avevamo compreso nella spiegazione precedente è stato confermato. La risposta corretta è A).


17.  Le piastrelle (quadrate) del pavimento (rettangolare) di un locale di dimensioni 4 x 6 = 24 metri quadrati sono costate complessivamente 600 euro. Sapendo che il costo unitario delle piastrelle è di 4 euro, quanto misura il lato della piastrella?

 

A) 4 cm

B) 20 cm

C) 30 cm

D) 40 cm

E) 50 cm

 

È possibile trovare il numero di piastrelle dividendo l’importo totale di spesa per il prezzo unitario, 600 : 4 = 150 piastrelle. Quindi è possibile trovare la superficie di una singola piastrella dividendo la superficie del locale per il numero delle piastrelle che ne rivestono il pavimento, per evitare di avere numeri con la virgola e osservando l’unità di misura delle soluzioni, prima di procedere con la divisione, è bene trasformare i metri quadrati in centimetri quadrati (1m2=10.000 cm2), 240.000 : 150 = 1600 cm2. Infine calcolando la radice quadrata della superficie della singola piastrella se ne ottiene il lato che è pari a 40 cm. La risposta corretta è D).


18.  In un ipotetico linguaggio in codice, alla parola SPECIFICA corrisponde il codice SPEFECIFIFIFICAFA e alla parola IGNORATO corrisponde il codice IFIGNOFORAFATOFO. Come si scriverà, nel medesimo codice, la parola MAIL?

 

A) MAFIFIL

B) MAFAIFIL

C) MAFAFIIL

D) MAFAAIFIL

E) MAIL

 

Il linguaggio in codice prevede che ogni qualvolta si presenti una vocale, all’interno della parola, questa debba essere seguita dalla sillaba “f + vocale in oggetto”. M A I L presenta due vocali, la prima, la “A”, dovrà essere seguita da “f + a” la seconda, la “i”, la “f + i”, il codice sarà quindi M Afa Ifi L. La risposta corretta è B).


Testo I

Leggere il testo del seguente problema.

Cinque amiche Elisa, Lucia, Romina, Giulia e Patrizia, temono ciascuna una diversa categoria di animali (ragni, piccioni, formiche, maggiolini, api). Analogamente ciascuna di esse ne ama un’altra (cani, gatti, scoiattoli, pony, delfini). Si sa che:

 

1)   Elisa teme le api e Romina ama i gatti

2)   Colei che ama i pony teme i ragni

3)   Patrizia non ama gli scoiattoli e teme le formiche

4)   Giulia ama i delfini e non teme i maggiolini


19.  Quali animali ama Lucia? (vedi Testo I)

 

A) Gatti

B) Cani

C) Scoiattoli

D) Delfini

E) pony

 

20.        Quale delle cinque amiche ama i cani? (vedi Testo I)

 

A) Lucia

B) Romina

C) Patrizia

D) Giulia

E) Elisa


Normalmente si usa una tabella da completare con le informazioni fornite:

Si piazzano inizialmente i nomi delle cinque ragazze:

Elisa Lucia Romina Giulia Patrizia
Anim.amato
Anim.odiato

Si completa la tabella con le informazioni fornite. L’informazione 2) non essendo riferita a nessuna ragazza viene lasciata per un secondo momento.

Elisa Lucia Romina Giulia Patrizia
Anim.amato gatti delfini (no scoiattoli)
Anim.odiato api (no maggiolini) formiche

Ora l’informazione 2) si capisce che può applicarsi solo a Lucia.

Elisa Lucia Romina Giulia Patrizia
Anim.amato pony gatti delfini (no scoiattoli)
Anim.odiato api ragni (no maggiolini) formiche

Il completamento della tabella ora è immediato

Elisa Lucia Romina Giulia Patrizia
Anim.amato scoiattoli pony gatti delfini cani
Anim.odiato api ragni maggiolini piccioni formiche

 

Si può anche usare un metodo grafico altrettanto rapido:

Basta riportare in una pseudo-tabella su ogni riga un tipo di dato: una riga per i nomi delle amiche, una riga per gli animali temuti e una riga per quelli amati. Si può riportare, per rapidità anche la sola iniziale. Poi con dei simboli si creano gli abbinamenti sfruttando i dati forniti nel testo.

schermata-2016-09-14-alle-15-01-11

 

Sfruttando la prima informazione inseriamo i primi simboli di abbinamento. L’unica regola è che sulla stessa riga i simboli non devono ripetersi e che ci sono tanti simboli quante colonne (5 in questo quiz). Scelto, quindi, il simbolo per Elisa, dovrò sceglierne uno diverso per Romina.

schermata-2016-09-14-alle-15-01-29

Sfruttando parzialmente la terza e la quarta informazione inseriamo altri simboli di abbinamento.

schermata-2016-09-14-alle-15-02-10

Sfruttando il grafico e la seconda informazione inseriamo un altro abbinamento. Colei che ama i Pony infatti non può essere né cerchio né cuore, poiché la stessa persona teme i ragni, non può essere nemmeno né quadrato né triangolo. Sarà allora Lucia ed avrà un altro simbolo.

schermata-2016-09-14-alle-15-02-25

Finiamo di inserire gli abbinamenti della terza e quarta informazione.

schermata-2016-09-14-alle-15-03-10

Completiamo il grafico per esclusione.

schermata-2016-09-14-alle-15-03-25

 

Le risposte corretta sono rispettivamente E) e C).


 

 

Cultura generale


21.  Il piano Marshall:

 

A)   fu alla base del New Deal

B)   venne pensato da Hitler per attaccare l’URSS

C)   indirizzò lo sviluppo urbanistico di Londra

D)   fu varato dal Presidente Wilson insieme all’istituzione della Società delle Nazioni

E)    fu varato dagli USA nel secondo dopoguerra

Il 05 giugno 1947 il segretario di stato degli Stati Uniti George Marshall annuncio la decisione degli Stati Uniti di avviare un piano di aiuti economico finanziari per l’Europa. Il piano fu noto anche come piano per la ripresa europea (European Recovery Plan). Nell’ottica degli Stati Uniti i risultati furono positivi dal punto di vista della diffusione in Europa di concetti quali la “libera impresa”, lo “spirito imprenditoriale”, il “recupero di efficienza”, l'”esperienza tecnica” e la “tutela della concorrenza”. La risposta corretta è E).


22.  Quale famosa pubblicazione fu espressione del pensiero illuminista in Italia?

 

A)   L’Ordine Nuovo

B)   Il Caffè

C)   La Critica

D)   La Voce

E)    Il Riformista

L’unica tra le proposte a riportare al settecento illuminista è Il Caffè, pubblicato negli anni dal 1764 al 1766 ad opera di Pietro Verri e Alessandro Verri con il contributo di Cesare Beccaria. Le altre proposte fanno riferimento alla prima metà del novecento: L’Ordine Nuovo fu fondato da Gramsci nel 1919: La Critica fu fondata nel 1902 da Benedetto Croce, una delle maggiori riviste culturali del primo Novecento che durò per quarantadue anni; La Voce fu fondata nel 1908 da Giuseppe Prezzolini e Giovanni Papini; Il Riformista, è stato un quotidiano di approfondimento politico fondato nel 2002 da Antonio Polito e chiuso nel marzo 2012. La risposta corretta è B).


 

 

Biologia


23.  Quale struttura anatomica NON è presente in un essere umano di sesso maschile?

 

A)     Uretere

B)     Vescica

C)     Uretra

D)     Nessuna delle altre alternative è corretta

E)      Tuba di Falloppio

La specie umana ha sessi separati. Ne discende che gli organi degli apparati riproduttivi sono diversi nei due sessi. Le tube uterine o tube di Falloppio sono specifiche dell’apparato riproduttore femminile, ricevono gli oociti secondari e di norma sono sede della fecondazione. La risposta corretta è E).

Ureteri e vescica fanno parte dell’apparato escretore in entrambi i sessi, come l’uretra, nella femmina.  Nel maschio quest’ultimo condotto è condiviso dagli apparati riproduttore ed escretore ricevendo, subito dopo la sua origine, alla base della vescica, i dotti deferenti, che convogliano spermatozoi e sperma.


24.  La sindrome di Klinefelter è data da un’anomalia del numero dei cromosomi sessuali ed è caratterizzata da un genotipo:

 

A)     XYY

B)     X0

C)     Y0

D)     XXY

E)      XXX

Le aneuploidie sessuali più importanti nell’uomo sono la sindrome di Turner ( X0 o monosomia X o 45,X) e la sindrome di Klinefelter ( sindrome XXY o 47,XXY). Si può precisare che esistono anche varianti più rare per entrambe, nessuna citata, ovviamente,  tra le risposte proposte: la più frequente è la Klinefelter 48,XXXY. La risposta corretta è D).


25.  Quale affermazione riguardante gli animali è FALSA?

 

A)     Si tratta di organismi esclusivamente eterotermi

B)     Si tratta di organismi eterotrofi

C)     Sono costituiti da cellule eucariotiche

D)     Sono organismi eterotermi o omeotermi

E)      Alcune specie animali si possono riprodurre in modo asessuato

Quiz molto facile, in quanto A) e D) si escludono a vicenda: è certamente una delle due la risposta corretta. La risposta corretta è A).  Infatti per quanto riguarda il mantenimento della temperatura corporea esistono animali omeotermi come i mammiferi e gli uccelli ed animali eterotermi la cui temperatura corporea varia con l’ambiente esterno, detti anche animali a sangue freddo: i pesci, gli anfibi ed i rettili. Eventuali altri dubbi non possono nascere in quanto gli animali sono organismi tutti pluricellulari le cui cellule sono eucariotiche (C corretta); alcuni si riproducono in modo sessuato ed altri asessuato (E corretta); sono tutti organismi eterotrofi ovvero non sono in grado di sintetizzare le proprie molecole organiche autonomamente a partire da molecole inorganiche (B corretta).


26.  Da quante triplette è costituito il codice genetico?

 

A)     Un numero variabile a seconda della specie considerata

B)     20, come gli amminoacidi che codifica

C)     12, a causa della ridondanza degli amminoacidi

D)     36

E)      64

Il codice genetico è costituito da triplette di nucleotidi. Questo perché ogni specifica molecola di tRNA si lega nel giusto punto ad una catena di mRNA riconoscendovi una specifica tripletta, un codone, grazie ad una sua specifica tripletta, l’anticodone. Ogni diverso tRNA, dotato di uno specifico anticodone, trasporta sempre lo stesso amminoacido per cui, nei ribosomi, una sequenza sempre uguale di codoni determinerà l’inserzione di una sequenza sempre uguale di tRNA e quindi di amminoacidi. Questo avviene ad esempio quando un polisoma (una serie di ribosomi) processa lo stesso mRNA: da ogni ribosoma fuoriesce una catena polipeptidica uguale. Essendo quattro i nucleotidi dell’RNA (ma anche del DNA), potendo disporli, anche ripetendoli, come si vuole, prendendolo tre a tre si ottengono quattro alla terza combinazioni, cioè 64. La risposta corretta è E).


27.  Il derma:

 

A)     è costituito da tessuto epiteliale pluristratificato

B)     si trova al di sopra dell’epidermide

C)     avvolge i follicoli piliferi

D)     è costituito da cellule ricche di chitina

E)      presenta uno strato corneo

La pelle, da alcuni definita il più grande organo del nostro corpo, lo avvolge completamente ed è costituita, essenzialmente, di due strati di tessuto: quello esterno, di natura epiteliale, pluristratificato, è l’epidermide; quello immediatamente sottostante, di natura connettiva, il derma. Le cellule dell’epidermide rivolte verso l’esterno sono morte e ricche di cheratina. Gli epiteli (quindi anche le mucose) sono sempre privi di vasi sanguigni ed al loro sostentamento provvede il connettivo sottostante. I peli sono strutture di natura epiteliale ma il loro sostentamento e la loro crescita sono garantiti dalle sostanze che giungono attraversi i vasi del derma, per cui ogni singolo bulbo pilifero è “immerso” nel derma da cui ricava sostentamento. Anche se esula dal quesito ci piace ricordare che ogni singolo pelo è dotato di un piccolo muscolo erettore (fenomeno della “pelle d’oca”). La risposta corretta è C).


 28.  Una mutazione genica puntiforme interessa:

 

A)     un intero cromosoma

B)     parti cospicue di un singolo cromosoma

C)     un intero genoma

D)     singoli nucleotidi

E)      unicamente l’RNA

Le mutazioni genetiche sono errori nella fase di duplicazione del DNA. Possono essere:

  1. genomiche, dette anche anomalie cariotipiche, quelle che comportano cambiamenti di intere sequenze di cromosomi, alterandone il corretto numero (aneuploidìe: trisomìe, monosomìe, poliploidìe, aploidìe)
  2. cromosomiche, quando comportano alterazioni riferibili ad un solo cromosoma, in porzioni interessanti più geni,
  3. geniche, quando modificano un solo gene.

Le mutazioni geniche, quando interessano un solo nucleotide sono anche dette mutazioni puntiformi, che possono derivare dalla delezione (perdita), inserzione (aggiunta) o sostituzione di un nucleotide. La risposta corretta è D).


29.  Nell’uomo, durante la digestione degli alimenti, il pH acido:

 

A)     blocca l’attività gastrica

B)     favorisce l’attivazione del pepsinogeno

C)     favorisce l’attività della flora batterica

D)     favorisce l’attivazione degli enzimi pancreatici

E)      permette l’emulsione dei grassi

Il principale enzima proteolitico gastrico è la pepsina, secreta sotto forma di molecola inattiva, il  pepsinogeno, che viene attivato dal pH acido. La pepsina necessita di un pH compreso fra 1,5 e 3,5 per agire in modo ottimale. Digerisce circa il 20% del contenuto proteico, la sua azione favorisce i processi successivi ma non è fondamentale per la sopravvivenza. Il pH acido è garantito dall’azione delle cellule (ghiandole) parietali che secernono HCl. La risposta corretta è B).


30.  Nelle cellule eucariotiche, il trascritto primario di mRNA (o pre-mRNA):

 

A)     contiene sia introni sia esoni

B)     può essere immediatamente tradotto in proteina

C)     viene prodotto dalla DNA polimerasi

D)     può uscire dal nucleo non appena è stato sintetizzato

E)      è presente nel citoplasma

Mente i genomi procariotici hanno geni costituiti soltanto da materiale codificante i genomi eucariotici contengono geni “discontinui” in cui la lunga sequenza di nucleotidi, pur iniziando e chiudendosi sempre con porzioni codificanti, contiene all’interno numerose e prevalenti porzioni di materiale non codificante. Ogni spezzone di DNA codificante è detto esone mentre le porzioni non codificanti sono denominate introni. Ne deriva che il DNA eucariotico richiede, dopo la fase di trascrizione, in cui si forma un trascritto primario molto lungo e immaturo, una fase di maturazione in cui tutti gli introni vengono espulsi e, non di rado, anche alcuni esoni. Gli esoni non espulsi vengono poi riassemblati (splicing) a formare il trascritto maturo, che uscirà dal nucleo per raggiungere i ribosomi ed avviare la sintesi della proteina codificata. La risposta corretta è A).


31.  Con il termine crossing-over si identifica:

 

A)     lo scambio di segmenti non corrispondenti tra due cromatidi fratelli di una coppia di cromosomi omologhi durante la profase II della meiosi

B)     lo scambio di segmenti esattamente corrispondenti tra due cromatidi non fratelli di una coppia di cromosomi omologhi durante la profase I della meiosi

C)     lo scambio di segmenti esattamente corrispondenti tra due cromatidi non fratelli di una coppia di cromosomi omologhi durante la profase della mitosi

D)     l’interscambio di materiale nucleo-citoplasmatico

E)      i fenomeni di trasporto attraverso la membrana

La risposta corretta proposta è “lo scambio di segmenti esattamente corrispondenti tra due cromatidi non fratelli di una coppia di cromosomi omologhi durante la profase I della meiosi”. In sostanza è la definizione di crossing-over e non c’é molto da commentare. Ricordiamo che la coppia di cromosomi dicromatidici uniti da numerosi chiasmi in profase I della meiosi è detta tetrade. La dicitura “esattamente corrispondenti” può allarmare un po’ in quanto spesso affermazioni così nette sono inserite in proposte errate. Analizzando le altre proposte troviamo però errori abbastanza palesi, che ci tolgono ogni dubbio, vediamo ad esempio le due proposte più simili a quella corretta: “lo scambio di segmenti non corrispondenti tra due cromatidi fratelli di una coppia di cromosomi omologhi durante la profase II della meiosi” è errata sia perché i cromatidi fratelli (quelli derivanti dallo stesso cromosoma) non si scambiano materiale sia perché il fenomeno avviene in profase I e non in profase II; “lo scambio di segmenti esattamente corrispondenti tra due cromatidi non fratelli di una coppia di cromosomi omologhi durante la profase della mitosi” è ovviamente sbagliato perché  il crossing-over si verifica soltanto in meiosi (e soltanto in meiosi I) e non in mitosi. La risposta corretta è B). 


32. La fibrosi cistica è una frequente malattia ereditaria di tipo autosomico recessivo. Se un individuo portatore sano sposa un individuo sano (non portatore), qual è la probabilità che possa nascere un figlio malato?

 

A)     100%

B)     25%

C)     50%

D)     0%

E)      75%

Malattia ereditaria di tipo autosomico recessivo. Gli autosomi sono i cromosomi non sessuali (tutti meno XY), quindi la malattia non è legata al sesso e gli schemi di trasmissione non devono tenere conto del sesso dei soggetti. In quanto recessiva i soggetti malati saranno omozigoti (usando A-a come simboli, soltanto gli individui aa saranno malati). Se uno dei due genitori è sano non portatore (AA), come recita il testo, nessun figlio potrà essere aa. La risposta corretta è D).


 33.  Quale di questi enzimi NON è normalmente presente in una cellula animale sana?

 

A)     RNA polimerasi

B)     DNA elicasi

C)     Trascrittasi inversa

D)     DNA ligasi

E)      DNA polimerasi

La trascrittasi inversa è l’enzima posseduto esclusivamente dai retrovirus, quasi tutti virus il cui materiale genetico è RNA. Tale enzima consente infatti la trascrizione nelle direzione inversa a quella prevista dal “dogma centrale della genetica molecolare” e cioè da RNA a DNA (il DNA così ottenuto è detto cDNA o DNA complementare). Una cellula animale o di un qualunque essere vivente conterrà tale enzima soltanto se infettata da un retrovirus. Il testo chiede con chiarezza se può essere “normalmente presente” in una cellula sana. Ovviamente no. Tutti gli altri enzimi, tipici di fondamentali processi nucleari, saranno sempre presenti in normali cellule animali. Eccezioni esistono: un globulo rosso maturo non li possiede, avendo degradato il nucleo ed il materiale genetico, ma allora sarebbero vere tutte le risposte, è quindi evidente che si parla delle normali cellule. La risposta corretta è C).


 34.  Nelle cellule eucariotiche, il DNA si replica durante:

 

A)     la fase S

B)     la fase G1

C)     la fase G2

D)     la fase M

E)      la citocinesi

Nel ciclo cellulare S sta per sintesi: è in questa fase e soltanto in essa che si duplicano i cromosomi.La risposta corretta è A).


35.  Negli esseri umani, quale tra le seguenti cellule è normalmente priva di nucleo?

 

A)     Osteoblasto

B)     Neurone

C)     Spermatozoo

D)     Granulocita neutrofilo

E)      Eritrocita maturo

Come appena ricordato, sono gli eritrociti, detti anche globuli rossi o emazie, a maturità, a non possedere più il nucleo. Le emazie maturano nel midollo osseo rosso ed entrano in circolo già denucleate, salvo patologie che determinino l’immissione nel torrente sanguigno di emazie immature ancora nucleate. Il nucleo dello spermatozoo, ovviamente, è aploide. La risposta corretta è E).


36.  In quale dei sotto indicati processi sono coinvolti i citocromi?

 

A)     Sintesi di elettroni

B)     Trasporto di elettroni

C)     Ciclo di Krebs

D)     Glicolisi

E)      Sintesi di proteine

I citocromi sono enzimi ossidoriduttivi (ossidoreduttasi) capaci quindi di accettare e cedere elettroni, partecipano quindi a molte reazioni in cui è necessario il trasferimento di elettroni tra biomolecole. Normalmente vengono studiati quelli associati alle catene di trasporto di elettroni presenti nelle creste mitocondriali e nelle membrane dei tilacoidi delle cellule fotosintetiche. In quelle sedi un accettore finale di elettroni (ossigeno nel primo caso e NADP+ nel secondo) consentirà agli elettroni di discendere lungo un ampio gradiente di potenziale liberando molta energia, convertibile in calore e ATP. La risposta corretta è B).


37.  Quale delle seguenti alternative meglio descrive la funzione dell’ATP?

 

A)     È l’organulo cellulare in cui viene immagazzinato l’ossigeno e per questo motivo è una riserva di energia per la cellula

B)     È la molecola che serve a trasportare gli elettroni che partecipano alla catena di trasporto, liberando grandi quantità di energia

C)     È la molecola in cui viene immagazzinata l’energia a livello cellulare

D)     È una molecola che consente esclusivamente il funzionamento delle pompe per il trasporto attivo attraverso la membrana cellulare

E)      Nessuna delle altre alternative è corretta

È la molecola in cui viene immagazzinata l’energia a livello cellulare.  VERO. Non l’unica, ma la PRINCIPALE molecola che svolge tale funzione. L’energia è quella dei due legami fosfoanidridici  -P-O-P-. 

È l’organulo cellulare …. FALSO non è un organulo.

È la molecola che serve a trasportare gli elettroni …. FALSO, abbiamo appena visto che tali molecole sono i citocromi (o anche i coenzimi delle deidrogenasi NAD, NADP, FMN e FAD). 

È una molecola che consente esclusivamente il funzionamento delle pompe per il trasporto attivo attraverso la membrana cellulare …. Sarebbe vero se togliessimo quell’ “esclusivamente”, ma c’é, allora è FALSO in quanto le situazioni in cui le cellule usano ATP sono moltissime. 

Nessuna delle altre alternative è corretta è FALSO in quanto ce n’è una vera. La risposta corretta è C).


38.  Quante classi fenotipiche compaiono nella prima generazione a seguito di un incrocio mendeliano tra due doppi eterozigoti?

 

A)     2

B)     1

C)     8

D)     10

E)      4

Incrocio didibrido, terza legge di Mendel. AaBb x AaBb      darà → 9 AB  :  3 Ab  :  3  aB  :  1 ab. Costruendo il quadrato di Punnett posso agevolmente individuare sia i genotipi che i fenotipi, e determinarne le quote. La risposta corretta è E).


 39.  La principale funzione dei lisosomi è:

 

A)     la sintesi di glicoproteine

B)     la sintesi dei lipidi

C)     l’immagazzinamento di energia

D)     la digestione intracellulare

E)      la respirazione cellulare

Domanda sostanzialmente nozionistica, ma su un tema di primaria rilevanza: la citologia (struttura delle cellule e componenti cellulari). Chi ha dubbi dovrà necessariamente approfondire l’argomento. Un’amnesia temporanea può essere risolta scartando, ma non è semplicissimo, o basandosi sull’etimologia (lisi = demolizione → lisosoma = organulo dove si scindono le molecole). La risposta corretta D).


40. Qual è il numero di autosomi normalmente presenti in uno spermatozoo umano?

 

A)     23

B)     2

C)     44

D)     1

E)      22

Abbiamo ricordato in precedenza che gli autosomi sono i cromosomi non sessuali (X e Y, nell’uomo ed in moltissime altre specie). Abbiamo ricordato in precedenza anche che lo spermatozoo è apolide. Visto che l’uomo possiede 23 tipi di cromosomi e lo spermatozoo può avere o X o Y,  gli altri cromosomi sono 22. La risposta corretta è E).


 

 

 

Chimica


41.  Quanto pesa una molecola di anidride carbonica?

A)     22 x 1,67 x 10–27 kg

B)     44 x 1,67 x 10–27 kg

C)     44 x 167 x 10–17 kg

D)     44 x 0,167 x 10–35 kg

E)      4,4 x 1,67 x 10–27 kg

È l’unico quesito dell’intero test che presenta una certa complessità di calcolo.

Viene richiesta la massa di una singola molecola.

Abbiamo due modi per procedere al risultato:

1)      Conoscere la massa di un nucleone (protone e neutrone) che vale 1,67·10-27 kg e moltiplicare tale valore per la massa molecolare della CO2 che vale 44 uma (Il carbonio ha una massa atomica di 12 uma e l’ossigeno di 16 uma. 12+16·2 = 44uma). Perciò una molecola di CO2 possiede complessivamente 44 tra protoni e neutroni ciascuno dei quali ha una massa di 1,67·10-27 kg. Purtroppo il valore della massa di un nucleone è un valore che difficilmente è conosciuto a memoria da uno studente e si può procedere al risultato con la seguente delle modalità proposte.

2)     Questa modalità di calcolo è fattibile se si conosce a memoria il numero di Avogadro No=6,02·1023 che esprime il numero di particelle presenti in una mole di sostanza. Nei calcoli da effettuare senza l’aiuto di una calcolatrice è utile usare il valore semplificato No=6·1023 . Partendo dalle masse atomiche note del Carbonio (12) e dell’Ossigeno (16), la massa molare MM (nota anche come peso molare PM) della CO2 vale:

12 + 16·2 = 44 g/mol.

Questo valore equivale a dire che una mole di molecole di CO2  hanno la massa di 44 grammi. Per avere la massa di una singola molecola, conoscendo la massa di una intera mole, basterà dividere la massa molare per il numero di Avogadro:

schermata-2016-09-15-alle-17-40-47Dall’osservazione dei risultati proposti si capisce che bisogna convertire i grammi in chilogrammi dividendo per mille:
schermata-2016-09-15-alle-17-41-07
Dal modo in cui il risultato viene presentato si intuisce che bisogna effettuare il calcolo in modo non completo secondo il seguente schema : schermata-2016-09-15-alle-17-40-57La risposta è B).


42.  Dall’equazione generale di stato dei gas perfetti si può dedurre che:

A)     in condizioni di temperatura e numero di moli costanti, il volume di un gas è direttamente proporzionale alla sua pressione

B)     in condizioni di pressione e numero di moli costanti, se si aumenta la temperatura di un gas, il suo volume rimane costante

C)     in condizioni di temperatura e pressione costanti, il numero di moli di un gas diminuisce all’aumentare del volume

D)     in condizioni di volume e numero di moli costanti, aumentando la pressione di un gas, la sua temperatura assoluta diminuisce

E)      in condizioni di volume e numero di moli costanti, la pressione di un gas è direttamente proporzionale alla sua temperatura assoluta

L’equazione di stato dei gas perfetti  P·V = n·R·T  esprime un legame matematico semplice tra quattro grandezze fisiche che caratterizzano la stato di un gas: Pressione (Pa oppure atm), Volume (m3 oppure litri), Temperatura assoluta (gradi  Kelvin) e numero di moli. R è una costante universale il cui valore dipende dalla scelta di unità di misura adottate per P e V. Mantenendo costanti due delle quattro grandezze si osservano i comportamenti delle altre due. È noto lo studio delle trasformazioni isobare, isoterme, isocore (isovolumiche).

schermata-2016-09-15-alle-17-38-30

Le stesse considerazioni possono essere svolte per risolvere il quiz 56 di Fisica che prevede a Temperatura costante la proporzionalità inversa tra Pressione e Volume (La pressione si dimezza ed il volume raddoppia). La risposta è E).


43.  Il numero quantico di spin:

A)     fornisce indicazioni sul verso della rotazione dell’elettrone intorno al proprio asse

B)     ha sempre valore (n – 1) dove n rappresenta il numero quantico principale

C)     può assumere tutti i valori interi da n a –n, zero compreso

D)     fornisce indicazioni sul tipo di orbitale in cui l’elettrone è contenuto

E)      fornisce indicazioni sulla distanza dell’elettrone dal nucleo

I numeri quantici esprimono le condizioni di un elettrone che appartiene ad un certo atomo. Il numero quantico principale n indica il guscio elettronico, il numero quantico secondario l indica il tipo di orbitale, il numero quantico magnetico m indica quale tra gli orbitali omologhi occupa l’elettrone in questione ed infine il numero quantico di spin ms indica il verso di rotazione dell’elettrone ricordando che in un certo orbitale possono coesistere solo due elettroni avente numero quantico di spin opposto. La risposta corretta è A).

[La visione di un elettrone che ruota attorno ad un proprio asse come un pianeta è ormai superata dalle nuove conoscenze della fisica quantistica, ma viene ancora utilizzata per un primo approccio alla disciplina]. 


44.  Quale dei seguenti composti reagisce con acqua per formare un acido ossigenato?

A)     NH3

B)     Al2O3

C)     Cl2O3

D)     KOH

E)      Na2O

 

Un acido ossigenato o ossiacido si forma dalla reazione di una anidride con acqua. È noto l’esempio in cui l’anidride carbonica reagisce con l’acqua per formare acido carbonico CO2 + H2O → H2CO3 .

Dobbiamo quindi cercare tra le proposte una anidride, ovvero un composto formato da un non-metallo e dall’ossigeno. L’unica possibilità è fornita dalla risposta C).

Si tratta della anidride clorosa che con l’acqua formerà acido cloroso.


45.  Nel sistema periodico, gli elementi sono incasellati:

A)     in ordine di elettronegatività decrescente da sinistra verso destra in file orizzontali

B)     in ordine di A crescente dal basso verso l’alto in colonne parallele

C)     in ordine di numero atomico decrescente da sinistra verso destra in file orizzontali, andando a capo quando inizia il riempimento di un nuovo livello energetico

D)     in ordine di Z crescente da sinistra verso destra in file orizzontali, andando a capo quando inizia il riempimento di un nuovo livello energetico

E)      in ordine di massa atomica crescente da destra verso sinistra in file orizzontali, andando a capo quando inizia il riempimento di un nuovo livello energetico

 

Il sistema periodico degli elementi fa riferimento alla tavola periodica degli elementi ideata da Dmitrij Ivanovič Mendeleev nel 1869. Ricordiamo che con Z si intende il numero atomico di un elemento chimico e con A la sua massa atomica.

L’ordinamento dei diversi elementi procede in modo crescente secondo il numero atomico Z da sinistra a destra. Ogni riga contiene tutti gli elementi che hanno gli elettroni di valenza nello stesso guscio esterno. La risposta corretta è D).

schermata-2016-09-14-alle-15-04-16


 46.        Condizione sufficiente affinché una molecola organica possieda isomeria ottica è:

A)     la presenza di un doppio legame tra due atomi di carbonio

B)     la presenza di almeno un atomo di carbonio chirale

C)     la diversa posizione di un sostituente lungo la catena di atomi di carbonio

D)     la presenza di almeno tre atomi di carbonio asimmetrici

E)      la presenza di un triplo legame tra due atomi di carbonio

 

Per un composto organico la attività ottica indica la capacità di far ruotare il piano di polarizzazione di un fascio di luce polarizzata che attraversa la sostanza.

schermata-2016-09-14-alle-15-04-36

Se un atomo di carbonio con ibridazione sp3 è legato a quattro diversi gruppi allora presenta attività ottica. Un tale atomo di carbonio è detto “chirale”. La risposta corretta è B).


47.  Quale elemento si riduce nella reazione Zn + FeCl2 ZnCl2 + Fe ?

A)     Il ferro di FeCl2

B)     Lo zinco metallico

C)     Il cloro di FeCl2

D)     Nessun elemento varia il proprio stato di ossidazione

E)      Il cloro di ZnCl2

 

Per rispondere al quesito bisogna scrivere i numeri di ossidazione sopra ciascun elemento presente nella reazione tenendo conto delle regole di base [UNITUTOR Zanichelli pag. C58].

schermata-2016-09-14-alle-15-05-00

È immediato verificare che il ferro si riduce e lo zinco si ossida. La risposta corretta è A). 


48.  Una soluzione (1) di NaCl ha concentrazione molare doppia rispetto a una soluzione (2) di Na2SO4

Se si mescolano 100 mL della soluzione 1 con 200 mL della soluzione 2, la concentrazione dello ione Na+ nella soluzione finale sarà:?

A)     tripla rispetto alla soluzione 1

B)     uguale a quella della soluzione 1

C)     doppia rispetto alla soluzione 1

D)     la metà rispetto alla soluzione 2

E)      doppia rispetto alla soluzione 2

 

NaCl e Na2SO4 in acqua manifestano entrambi una idrolisi salina completa in quanto sono entrambi sali provenienti da acidi forti e basi forti. NaCl è il sale proveniente da NaOH base forte e HCl acido forte. Na2SO4 è il sale proveniente da NaOH base forte e H2SOacido forte. Per idrolisi si ha:

NaCl → Na+ + Cl

Na2SO4 → 2Na+ + SO42-

In riferimento al sodio Na la diversità tra le due molecole consiste nel fatto che Na2SO4 possiede il doppio di atomi di Na rispetto a NaCl e di conseguenza per idrolisi libera in acqua il doppio di ioni Na+. Di contro però la soluzione di NaCl possiede concentrazione doppia. È evidente che la situazione è stata ideata appositamente per compensare la differenza prima detta ed avere due soluzioni con identica concentrazione di Na+. Un mescolamento tra le due soluzioni, quale che siano i due volumi presi porterà in ogni caso ad una soluzione con una identica concentrazione di Na+.

La risposta corretta è B) che potrebbe anche essere esposta più ampiamente così: “La soluzione finale ha una concentrazione di Na+ identica alla soluzione 1 ed alla soluzione 2 che tra di loro hanno la stessa concentrazione di Na+.


49.  Qual è la concentrazione di una soluzione contenente 2,0 moli di soluto in 0,5 kg di solvente?

A)     0,2 m

B)     1,0 N

C)     2,0 M

D)     4,0 M

E)      4,0 m

 

Le concentrazioni sono solitamente misurate con la Molarità M (moli di soluto/litri di soluzione) e molalità m (moli si soluto /di solvente). Il testo fornisce dati corretti per misurare la molalità. Si procede perciò al calcolo:

schermata-2016-09-15-alle-17-30-39

La risposta corretta è E).


50.  Qual è il valore del pH di una soluzione acquosa contenente 0,001 moli di HCI in 10 litri?

A)     1

B)     0,001

C)     10

D)     3

E)      4

 

HCl è un acido forte e si dissocia completamente in acqua. HCl +H2O → H3O+ + Cl

Per questo motivo la concentrazione degli H3O+ è pari alla concentrazione dell’acido che li ha generati:

schermata-2016-09-15-alle-17-27-55 Il pH di una concentrazione   ci calcola come:
schermata-2016-09-15-alle-17-27-49

 La risposta corretta è E).


51.  Una proprietà che caratterizza le soluzioni tampone è che il valore del pH:

A)     è sempre superiore a 11

B)     non varia significativamente per aggiunte moderate di acidi o basi forti

C)     non varia mai

D)     è sempre inferiore a 3

E)      dipende solamente dalla concentrazione di acido

 

Una soluzione tampone si ottiene immettendo in soluzione una acido debole unitamente alla sua base coniugata oppure immettendo una base debole unitamente al suo acido coniugato. Una soluzione così ottenuta possiede la capacità di opporsi alla variazione del pH quando si effettuano moderate aggiunte di acidi o basi alla soluzione. [UNITUTOR Zanichelli pag. C113]. La risposta corretta è B). 


52.  Individuare l’affermazione FALSA riguardo al doppio legame tra atomi di carbonio.

A)     Non è mai presente nei chetoni

B)     È più forte del legame semplice tra atomi di carbonio

C)     Gli atomi di carbonio che lo formano sono generalmente ibridati sp2

D)     È più debole del legame triplo tra atomi di carbonio

E)      È presente negli alcheni

 

Il doppio legame tra due atomi di carbonio tipico degli alcheni si forma tra due atomi di carbonio sempre ibridati sp2. Risposta C e risposta E) corrette [anche se il termine generalmente è discutibile]. Andando dal legame semplice verso il doppio ed il triplo legame aumenta la forza del legame. Risposta B) e risposta D) corrette. Nei chetoni il doppio legame è presente nel gruppo carbonilico tra il carbonio e l’ossigeno ma questo non esclude che lungo le due catene dei radicali che compongono il chetone possano esserci atomi di carbonio legati da doppio legame. La affermazione A) è dunque falsa. La risposta corretta è A).


Fisica e Matematica


53.  Le potenze utilizzate dai seguenti elettrodomestici sono:

P(ferro da stiro) = 1 kW

P(televisore) = 150 W

P(lavatrice) = 2,5 kW

P(forno elettrico) = 1.500 W

Se vengono collegati alla rete domestica (220 V), quale degli elettrodomestici è attraversato da una corrente di intensità maggiore?

 

A)     Il ferro da stiro

B)     La lavatrice

C)     Il televisore

D)     Sono attraversati tutti dalla stessa corrente

E)      Il forno elettrico

Per ogni singolo elettrodomestico collegato alla tensione di 220 Volt, in riferimento alla potenza assorbita è applicabile la: P = V · i. Risulta immediato che a parità di tensione applicata (220 V per tutti) gli apparecchi che assorbono maggior potenza assorbono anche maggior intensità di corrente. Bisogna solamente stare attenti alla espressione della potenza espressa in W ed in kW. Portando tutto in W avremo:

P(ferro da stiro) = 1 kW  = 1.000 W

P(televisore) = 150 W

P(lavatrice) = 2,5 kW  = 2.500 W (valore più elevato)

P(forno elettrico) = 1.500 W

La lavatrice assorbe maggior potenza e di conseguenza maggior intensità di corrente elettrica. La risposta corretta è B).


54.  Un alpinista di massa 70 kg deve affrontare un tratto misto in montagna. La prima parte del percorso, di avvicinamento alla parete, consiste in un sentiero lungo 1,2 km che supera un dislivello di 600 m. Giunto alla fine del sentiero, l’alpinista scala la parete verticale alta 200 m. Qual è approssimativamente il lavoro totale compiuto dall’alpinista contro la forza di gravità?

 

A)     9,8 · 105 J

B)     3,5 · 105 J

C)     4,54 · 105 W

D)     2 · 106 J

E)      5,6 · 105 J

Quando la forza e lo spostamento non sono paralleli per il calcolo del lavoro compiuto bisogna considerare solo la componente dello spostamento rispetto la direzione della forza. In questo caso la direzione della forza è verticale e dobbiamo considerare le componenti dello spostamento solo rispetto alla verticale, cioè il dislivello superato lungo il percorso. Nel nostro caso il dislivello è di 800 metri complessivi. Tenendo conto che la forza di gravità è P = m·g, il lavoro sarà perciò: L = m·g·h = 70·9,8·800 ≈ 70·10·800 = 560.000 J = 5,6·105 J. La risposta corretta è E). 


55.  Osservando un oggetto perfettamente immobile in galleggiamento nel mare, che cosa si può dire delle forze che agiscono su di esso?

 

A)     Agiscono solo le forze convettive delle correnti marine che lo tengono sollevato dal fondo

B)     La forza peso non agisce in mare

C)     La forza di Archimede risulta maggiore di tutte le altre forze

D)     Agiscono più forze, ma la loro risultante è nulla

E)      Non agisce alcuna forza

Ogni volta che un corpo è fermo avviene che tutte le forze che agiscono su di esso si sono annullate. Infatti il primo principio della dinamica afferma che un corpo sul quale non agisce alcuna forza (ovvero le forze agenti si annullano a vicenda) rimane nel suo stato di quiete o di moto rettilineo uniforme.

In questo caso non si tratta si sviluppare un modello del sistema o di valutare l’effetto delle singole forze agenti, ma semplicemente di procedere alla soluzione in base al principio anzidetto. La risposta corretta è D).


56.  A temperatura costante, se la pressione si dimezza, il volume di un gas perfetto:

 

A)     raddoppia

B)     rimane costante

C)     si dimezza

D)     si riduce a un quarto

E)      quadruplica

Come abbiamo già visto nel quiz n. 42, l’equazione di stato dei gas perfetti  P·V = n·R·T  esprime un legame matematico semplice tra quattro grandezze fisiche che caratterizzano la stato di un gas: Pressione (Pa oppure atm), Volume (m3 oppure litri), Temperatura assoluta (gradi  Kelvin) e numero di moli. R è una costante universale il cui valore dipende dalla scelta di unità di misura adottate per P e V. Mantenendo costanti due delle quattro grandezze si osservano i comportamenti delle altre due. È noto lo studio delle trasformazioni isobare, isoterme, isocore (isovolumiche).

schermata-2016-09-15-alle-17-50-03

L’ultimo in tabella è il nostro caso. Se P e V sono inversamente proporzionali è evidente che se uno dei due si dimezza, latro raddoppia. La risposta corretta è A).


57.  La media aritmetica di cinque numeri è 14. Se la media dei primi due è 20, allora la media aritmetica degli altri tre è:

 

A) 8

B) 9

C) 10

D) 12

E) 14

Se la media aritmetica di cinque numeri è 14, vuol dire che la somma dei numeri è 14 x 5 = 70. Sottraendo a questo valore 20 + 20 = 40 ovvero la somma dei primi due numeri, si ottiene 70 – 40 = 30 ovvero la somma degli ultimi tre. Dividendo per tre l’ultimo valore ottenuto si ha la media degli ultimi tre numeri che è, quindi, 30 : 3 = 10. La risposta corretta è C).


58.  Siano dati due triangoli rettangoli simili. Se il primo ha cateti di lunghezza 3 e 4 cm, e il secondo ha area pari al quadruplo dell’area del primo, qual è la lunghezza dell’ipotenusa del secondo triangolo?

 

A) 5 cm

B) 10 cm

C) 20 cm

D) 16 cm

E) 12 cm

 

Attraverso il teorema di Pitagora è possibile calcolare l’ipotenusa del primo triangolo che misura, quindi, √9+16=√25. Considerando che il rapporto di similitudine tra le superfici delle figure piane è il quadrato del rapporto lineare tra i lati, sappiamo che il rapporto tra i lati è √4=2 . Ovvero se le superfici sono una il quadruplo dell’altra, allora le dimensioni dei lati sono l’una il doppio dell’altra. L’ipotenusa del secondo triangolo è perciò il doppio: 2 x 5 = 10 cm. La risposta corretta è B).


59.  Lanciando contemporaneamente due dadi non truccati, che probabilità vi è di ottenere “nove”?

 

A) 1/4

B) 1/6

C) 1/8

D) 1/9

E) 1/12

 

La probabilità di un evento è il rapporto tra il numero di casi cha concorrono all’evento ed il numero totale di casi possibili. Per due dadi il numero totale di casi possibili è 36.

Consideriamo l’insieme dei casi favorevoli {3+6, 4+5, 5+4, 6+3}. Sono 4 casi. La probabilità richiesta è perciò:

schermata-2016-09-15-alle-17-53-07

La risposta corretta è D). 


60.  La retta passante per il punto (1, – 1) e ortogonale alla retta di equazione 2x + y + 6 = 0 ha equazione:

 

A) y + 2x – 1 = 0

B) x + y -3 = 0

C) y – 2x + 1 = 0

D) 2y – x – 3 = 0

E) 2y – x + 3 = 0

 

Innanzitutto bisogna esplicitare la retta data e trovarne il coefficiente angolare, y = -2x – 6, il coefficiente angolare, m, vale -2. La retta cercata, essendo ortogonale a quella data, ha il coefficiente angolare che ne è l’antireciproco, ovvero 1/2. L’equazione cercata sarà quindi y = x/2 + q. Per trovare q sfruttiamo l’appartenenza del punto (1, -1) alla retta. Inseriamo le coordinate del punto al posto della x e della y nell’equazione della retta e ricaviamo q: -1 = 1/2 + q quindi q= – 3/2. L’equazione esplicita della retta cercata è quindi y = x/2 – 3/2. La forma implicita sarà 2y – x + 3 = 0. La risposta corretta è E).